Smart waters. Cooperazione e sicurezza idrica nelle aree fragili

Smart waters. Cooperazione e sicurezza idrica nelle aree fragili

21 – 22 marzo 2014

Smart water non rimanda solo ad un uso intelligente dell’acqua. Riguarda anche la sua distribuzione sociospaziale e una gestione che sia quanto più condivisa possibile. Il convegno, organizzato attraverso un call for cases nazionale, vorrebbe tenere assieme tre dimensioni: expertise, equità territoriale e inclusione politica; compito non facile in un mondo dell’acqua assai conflittuale, piuttosto chiuso, ed ora sollecitato dagli esiti del cambiamento climatico. Insomma un forum interdisciplinare, con un tentativo di inserimento delle scienze sociali, per attuare la tanto decantata gestione integrata dell’acqua. 

Corsa alla terra anche in Italia? Alla ricerca di cibo, acqua, energia nell’era della scarsità

Corsa alla terra anche in Italia? Alla ricerca di cibo, acqua, energia nell’era della scarsità

Rovigo 15-16 marzo 2013 

Il convegno mira a:

1) cogliere se effettivamente vi sono dei cambiamenti in Italia, in particolare nelle aree meno favorite, nell’uso del suolo; se non altro cambiamenti che sanciscono tendenze negative (abbandono, dissesto, impoverimento biologico, supersfruttamento di certe risorse ecc. );

2) mettere in luce quali sono le conseguenze più importanti da un punto di vista sociale, politico e ambientale (se ad esempio prevale un abbandono totale o se invece lo spopolamento induce ipersfruttamento di risorse come l’acqua o i boschi);

3) illustrare esperienze emblematiche, sia in senso negativo che positivo, di corsa alla terra nelle aree fragili, con particolare predilezione per le seconde, però.

Il convegno dovrebbe muoversi su un duplice binario: quello di analisi rigorose delle tendenze in atto nella presunta corsa alla terra nelle aree fragili italiane e quello della raccolta di casi esemplari, aventi un alto valore simbolico, in altri termini emblemi di ideali di giustizia. Il convegno non ha solo un taglio scientifico ma anche divulgativo, volendo diffondere temi ed esperienze di grande valore morale.

Di fondo, resta la predilezione per le aree rurali fragili; non sono escluse tendenze e casistiche delle aree metropolitane, ma si privilegiano zone remote, periferiche, poco note, piccole, le quali magari hanno relazioni funzionali con le città.

Tipico il caso dell’uso dell’acqua prelevata da aree deboli e usata per dissetare grandi agglomerati urbani. Fragilità, quindi, non riguarda isolati casi di microdegrado territoriale, ma più spesso condizioni di interscambio fra aree forti e deboli. Corsa alla terra in Africa è proprio questo. Nelle aree rurali italiane le relazioni sui beni fondiari avvengono in maniera molto più articolata, ma non è escluso che essenzialmente si tratti di un land grabbing trasposto: qui mantengo usi soft dei terreni, mentre le funzioni pesanti di produzione di cibo vengono svolte altrove.

Giustizia ambientale. La distribuzione delle risorse fra aree tenaci e aree fragili

Giustizia ambientale. La distribuzione delle risorse fra aree tenaci e aree fragili

13 – 14 aprile 2012

Il tema della giustizia ambientale ha due declinazioni di base: una, storica, riguarda le aree residenziali americane dove si scopriva l’esistenza di inquinanti particolarmente dannosi per quella popolazione; da lì partiva allora un movimento di protesta per la giustizia ambientale, ossia la richiesta di un risarcimento, la rimozione della fonte inquinante, il processo per i responsabili del danno; una declinazione, più recente – diremo, terzomondista – che vede nella sottrazione di preziose risorse ambientali da contesti abitati da gruppi etnici marginali una palese violazione dei diritti umani;

da ciò scaturiscono movimenti di protesta nazionali e internazionali di varia fortuna. In certi casi come in America Latina tali questioni entrano nel dibattito politico e possono condizionare l’elezione dei leader nazionali.

In altri, come nel sud est asiatico o in Africa gran parte della protesta è lasciata alle Ong e ai loro mezzi di denuncia presso l’opinione pubblica occidentale.

All’interno dell’Europa e ancor più in Italia il movimento per la giustizia ambientale non ha avuto mai una grande presa, probabilmente per una ragione strutturale.

La forte densità degli insediamenti umani e industriali nonché le forti interrelazioni fra le singole aree hanno reso difficile trovare una netta linea di demarcazione fra svantaggiati e avvantaggiati. Il danno ambientale esiste, ma solitamente è così puntuale o così diffuso, da non creare fratture sociali, come invece avviene in altre parti del mondo.

In realtà vi sono anche in Italia e il fatto che non vengano alla luce è probabilmente un indicatore di fragilità territoriale e politica. 

Vivere da stranieri in aree fragili

Vivere da stranieri in aree fragili

19 marzo 2011

Nei piccoli comuni italiani, anche quelli piccolissimi, la presenza di stranieri è solo di poco inferiore a quella rilevabile nella media nazionale. In altre parole, l’immigrazione di stranieri nel nostro paese non è un fenomeno urbano, ma si distribuisce abbastanza equamente fra città e campagna. Anche il trend di crescita è del tutto simile. Certamente, sono dati medi che nascondono picchi e quasi totale assenza del fenomeno in alcune aree del Sud. Se però si dimostrasse che la varietà interna all’universo dei piccoli comuni italiani è maggiore di quella che si riscontra nelle aree urbane, allora avremmo un ulteriore motivo per studiare le presenze degli stranieri in Italia.

Ciò significherebbe che il cambiamento è più sbilanciato nelle aree rurali, portando con sé inevitabilmente maggiori problemi laddove ci sono le maggiori concentrazioni. L’idea, presa dall’ecologia umana, è che un’elevata concentrazione di un gruppo sociale in un ambiente meno vario provochi maggiori squilibri. Se in un paesino di montagna vi è una forte presenza di stranieri con al seguito famiglie e figli è possibile che i servizi ne risentano maggiormente. Attenzione non stiamo dando giudizi pro o contro la concentrazione di stranieri!

Piuttosto cerchiamo di mettere a fuoco le tante sfaccettature del fenomeno. In taluni casi, è possibile che questo effetto (alta concentrazione) sia voluto dalle autorità locali, che pensano che solo con una massiccia immigrazione sia possibile salvare una comunità locale dalla sparizione. In altri casi, l’arrivo di tanti stranieri sarà più controverso, ma con esiti imprevisti. In altri casi ancora, vi sarà la classica reazione di ripulsa, certamente poco motivata, ma densa di conseguenze negative.

Nuove popolazioni rurali. Immigrati e neonati nelle campagne italiane

Nuove popolazioni rurali. Immigrati e neonati nelle campagne italiane

13 marzo 2010

Le statistiche non riescono ancora a registrare il movimento di persone verso le aree fragili; si tratta di stranieri che lavorano nelle stalle e nelle raccolte stagionali; si tratta sempre di stranieri che riempiono le case lasciate dagli emigrati del passato; si tratta di qualche coppia che sogna di vivere in maniera alternativa; molte sono anche le assistenti familiari che accudiscono una popolazione autoctona sempre più vecchia e debilitata.

Vi è infine qualche ritorno di ex-migranti. Il convegno vuole raccogliere una prima lista di casi presenti nelle più varie situazioni geografiche dell’Italia, dalle Alpi, alla pianura padana, al crinale appenninico fino alle piane del sud. Si tratta di contare queste presenze, capirne meglio le dinamiche (soprattutto la natalità), sostenere le associazioni che si stanno mobilitando, vedere quali potrebbero essere le politiche più adatte. Il rischio infatti è che si presti attenzione alla sola concentrazione urbano-industriale degli stranieri, trascurando importanti movimenti verso le aree più remote e meno servite del paese. 

Abitare in periferia. Servizi, socialità e tempi di vita nelle aree fragili

Abitare in periferia. Servizi, socialità e tempi di vita nelle aree fragili

14 marzo 2009

Da diversi anni abbiamo intrapreso un’opera di ricerca sulle aree fragili del nostro paese con l’intento di individuare le loro traiettorie e, possibilmente, volgerle in positivo grazie agli strumenti della finanza etica. Quando parliamo di aree fragili pensiamo a tre situazioni: le zone particolarmente esposte a rischi ambientali siano essi di origine naturale (esondazione di un fiume) o artificiale (incidente in un impianto chimico); aree fragili sono anche quelle che a causa della bassa densità abitativa ed economica stanno perdendo i propri servizi e le persone più giovani; infine vi sono le classiche periferie urbane prive di servizi o i centri storici degradati. Le prime sono lontane dal cuore pulsante delle città, i secondi fin troppo vicini. 

In tutte le situazioni, risulta evidente che non si tratta solo di carenze di servizi secondo uno standard base; non si tratta solo di concentrazione di residenti con redditi e patrimoni più bassi. Vi è un importante fattore sociale che riguarda la qualità del vivere collettivo. La gloriosa Scuola di Chicago quando analizzava i quartieri delle città parlava di disorganizzazione, intendendo con ciò l’assenza di un “ordine morale” fra gli abitanti. Ordine morale suona ormai come un termine datato, ma il senso di fondo rimane: siamo o meno di fronte ad un quartiere che manifesta una certa socialità, che sa organizzarsi per particolari eventi, che è capace anche di mobilitarsi per chiedere il rispetto dei propri diritti? Nel grado di organizzazione vi è quindi sia una solidarietà locale sia anche una dimensione politica intesa come rivendicazione di servizi funzionanti, spazi comuni, abitazioni decenti. Sapersi organizzare significa catturare fondi, farsi conoscere all’esterno, portare nel quartiere o nel paese iniziative originali. 

Abitare ingloba le dimensioni principali del vivere: quella privata degli affetti e del relax, quella lavorativa, seppur indirettamente (spostamenti casa-lavoro) e quella appunto della socialità come sopra specificato: vivere accanto ad altri in maniera significativa con gesti reciproci di cura e con adeguati spazi pubblici, nei quali manifestare le proprie esigenze. Questa situazione si potrebbe chiamare anche comunità, se non fosse che questo termine evoca (ingiustamente) significati negativi, come il controllo sociale, la maldicenza, la mortificazione della soggettività individuale. Quale che sia il nome che vogliamo dare all’abitare, esso va ben al di là del risiedere, dello stare fisicamente alcune ore della giornata in condizioni di prossimità. 

Vediamo allora cosa minaccia l’abitare: 

-condizioni ambientali rischiose, considerando anche le opere umane

-la lontananza dei posti di lavoro che impone lunghi spostamenti o l’accettazione di lavori in loco precari

-una carente dotazione di servizi di base, includendo in questi anche i luoghi della socialità  

-un debole spirito comunitario, un senso di estraneità fra abitanti, le prevaricazioni di minoranze criminali

Riguardo al primo punto abbiamo alcuni dati che permettono di fare una mappatura impressionante dell’Italia: si veda la carta del rischio sismico, di quello idrogeologico e dei siti industriali pericolosi. Si può aggiungere la mappa delle città vivibili redatta annualmente da Legambiente. Riguardo al disagio derivante dagli spostamenti per lavoro abbiamo raccolto molte informazioni nel convegno dello scorso anno sulla mobilità leggera in aree fragili. Sappiamo che in testa ai tempi di percorrenza vi sono i residenti nelle aree metropolitane e un’esigua minoranza di abitanti delle aree remote. I primi sono tanti ma godono anche di maggiori servizi di trasporto, i secondi sono molto pochi anche rispetto alla popolazione dei propri paesi, ma compiono lunghi tragitti per recarsi al lavoro. Fra le minoranze ad alta mobilità, bisogna includere sicuramente molti migranti. 

Riguardo alla dotazione di servizi abbiamo dati riferiti a singole aree, alle periferie delle grandi città, a tutta l’Italia. Raramente abbiamo dati con un livello di disaggregazione territoriale tale da cogliere se esista una discriminazione verso le aree minori. Ad esempio, la ricerca di Legambiente sul disagio abitativo nei piccoli comuni mette in evidenza tre tipi di disagio: quello economico-occupazionale di gran parte delle aree interne del sud; quello in larga misura demografico (pop. anziana) e culturale (istruzione bassa) delle aree montane e collinari del centro-nord e quello che assomma i caratteri negativi delle prime due aree, anche se con valori meno estremi e che riguarda alcune aree di pianura del nord (già a suo tempo localizzate nelle nostre ricerche, Osti 2004-05) e piccoli gruppi di comuni distribuiti a macchia di leopardo in tutta Italia (figura in alto). 

Proprio questo ultimo tipo di disagio insediativo merita alcuni commenti. Intanto è da sottolineare la sua presenza sia in pianura che in montagna, sia al nord che al sud. E’ probabile che la sua diffusione così dispersa lungo tutto lo stivale impedisca di coglierne la reale fisionomia, non facilmente riconducibile ai soliti clichè basati sulla disoccupazione (sud) e sull’invecchiamento (nord). Un nodo cruciale di questo terzo tipo è proprio il fatto che si assommano disagi economici, carenze nei servizi e destrutturazione demografica. 

A scanso di equivoci è bene precisare che l’insieme dei casi considerati nella citata ricerca  in disagio insediativo è composto da “2.830 comuni – pari al 35% del totale – con una superficie di 100 mila Kmq., corrispondente al 33,4% della superficie nazionale, nella quale risiede soltanto l’8,7% della popolazione” (Legambiente-Confcommercio, 2000, p. 6). Se guardiamo però alla distribuzione territoriale per regione torna il classico dualismo nord-sud. Infatti, I comuni con i tre tipi di disagio abitativo raccolgono solo l’1,3% della popolazione del Veneto e il 42% della popolazione della Calabria. La regione del nord Italia con la più ampia quota di popolazione in condizioni residenziali difficili è il Piemonte con il 5,5%. Poco più sotto la Liguria (5,2%). I curatori della ricerca insistono sul fatto che si tratta di indici ‘tarati’ per misurare il disagio delle aree rurali e non delle periferie urbane. 

Comunque sia, una simile distribuzione del disagio crea un problema per le politiche di sviluppo: dobbiamo tralasciare queste situazioni geografiche per concentrarci sulle grandi aree urbane dove il malessere si manifesta in forme più forti e riguarda fasce ben più ampie di popolazione? Dobbiamo pensare soprattutto al sud Italia dove si assommano problemi antichi e nuovi e dove il malessere sembra più difficile da combattere? Oppure dobbiamo pur sempre considerare che un tipico disagio da aree minori, rurali, montane, a bassa densità, presenta dei tratti specifici in tutto il territorio nazionale e come tale va trattato? 

La linea di ricerca sin qui tracciata ci spinge verso la terza ipotesi. Esiste un tipo particolare di marginalità rurale che riguarda una minoranza (alcuni milioni di persone secondo l’indagine) della popolazione italiana, che rischia di essere trascurata nelle politiche per il fatto che a) è poco conosciuta, b) le politiche di sviluppo locale puntano tutto sulla promozione delle attività economiche tralasciando gli aspetti più spiccatamente residenziali. Una buona esemplificazione viene dalle ricerche epidemiologiche. Giuseppe Costa (2008) mostra che la vita media è leggermente più lunga in città rispetto alla campagna-montagna piemontese. E ciò pare in parte da attribuirsi alla diversa dotazione di servizi sanitari, che induce una diversa propensione a monitorare il proprio stato di salute. Egli precisa anche che le differenze fra classi sociali sono maggiori di quelle fra aree territoriali, come a dire che a Torino si vive leggermente più a lungo che nelle valli, ma dentro la città le differenze fra gruppi sociali sono maggiori. Ritorna dunque il dilemma precedente: nelle aree urbane il disagio sociale si manifesta in maniera più acuta. Tuttavia, esiste anche un problema ‘rurale’, nelle pur ricche regioni del nord Italia. 

Sebbene sia più difficile avere informazioni sistematiche sugli aspetti relazionali, possiamo immaginare che vi sia una crisi della socialità nelle aree a bassa densità abitativa che si manifesta come una vera e propria solitudine o bowling alone come richiama il libro di un noto studioso di questi fenomeni (Robert Putnam). Le aree degradate delle periferie urbane possono avere tanti problemi ma non certo quello della rarefazione della popolazione. Evidentemente si può essere soli anche in mezzo alla folla (David Riesman, 1950), ma per ragioni diverse da quelle pensabili in zone rurali semidisabitate. Per altro, sono diverse anche le prospettive: mentre nelle aree urbane vi possono essere rapidi cambiamenti dovuti a processi di gentrification (riqualificazioni con nuovi abitanti più ricchi) o alla sostituzione di popolazione (vedasi il fenomeno migratorio), nelle aree rurali marginali i processi sono più lenti e sembrano ancora inclinati verso un ulteriore spopolamento. In quelle aree anche l’arrivo di nuovi immigrati avviene più lentamente (e rischia di creare nuovi ghetti rurali!).  

Insomma, esiste una peculiarità delle aree fragili a bassa densità abitativa che richiede un occhio attento, una indagine specifica, una considerazione nuova che possa approdare ad una conoscenza più sistematica di quanto accade. Un banco di prova cruciale sembrano essere i servizi sia quelli commerciali che quelli sociali. Indagare su questi può far capire molte cose e forse anche individuare qualche risposta positiva. 

Vi è infatti una parte propositiva della ricerca: evidenziare esperienze nelle quali si è cercato di dare risposte positive alla marginalità territoriale; esse possono essere catalogate secondo i seguenti criteri:

– originalità
– durata
– ampiezza del coinvolgimento 
– elementi di sussidiarietà

Su questi due aspetti – disagio abitativo delle aree rurali e risposte innovative al problema  – si può imbastire il programma del convegno 2009.

Riferimenti bibliografici sul tema dell’abitare in contesti periferici

G. Anania e A. Tenuta, Ruralità, urbanità e ricchezza dei comuni italiani, in QA – Rivista dell’Associazione Rossi-Doria, 1, 2008

C. Barberis, P. Guidicini , G. Scidà, La povertà nel mondo rurale in Italia, Angeli, Milano, 1981

D. Biolghini, “Aree fragili” e progetti di Distretto di Economia Solidale, Rete Leader. Rivista dello sviluppo rurale, n. 14, 2008, pp. 10-13.

G. Costa, Geografia della salute in contesti urbani, in G. Nuvolati e M. Tognetti Bordogna (a cura di), Salute, ambiente e qualità della vita nel contesto urbano, Angeli, Milano, 2008, pp. 97-150.

TestiF. Di Iacovo (a cura di), Lo sviluppo sociale nelle aree rurali, Angeli, Milano 2003.  

S. Landini, Commercio e comuni in Piemonte. Una classificazione dei comuni per tipologia di dotazione di strutture commerciali, Ires Piemonte, Torino, 2008, Contributi di ricerca, n. 219.   

S. Lucatelli, S. Savastano, M. Coccia, Servizi socio-sanitari nell’Umbria rurale, Ministero dell’Economia e delle Finanze, Dipartimento per le Politiche di Sviluppo, Unità di Valutazione degli Investimenti Pubblici, Materiali UVAL, Numero 12 – Anno 2006 

M. Nova, M.L. Dagnino, Il ruolo del commercio nelle aree rurali svantaggiate, paper presentato al convegno “Il sistema rurale”, Milano, 13-14 ottobre 2004

G. Osti, Un’economia leggera per aree fragili. Numero monografico della rivista “Sviluppo Locale”, vol. XI, n. 27, 2004-05.  

A. Rottini, Cambio casa cambio vita. Dal cohousing all’autocostruzione, dalle comunità di famiglie alle cooperative edilizie: come cambiare casa (o costruirla) e vivere meglio, Terre di Mezzo, Milano, 2008 

C. Salvioni, Ricchez za e povertà nelle campagne, Agriregionieuropa, Anno 1, n. 1, 2005

A. Zaniboni, I territori riabitati. Un percorso dalla Padania alla Sicilia, Angeli, Milano 2009.   

l disagio abitativo degli immigrati nell’Italia meridionale

www.piccolicomunionline.net, Formez

Carta dell’abitanza sociorurale, in Studi Zancan, n. 6, 2007

Piccol aGrandeItalia, Legambiente

Comuni polvere. Polvere di Comunità, Communitas, 3/4, 2005