Welfare che scorre lungo i fiumi: Enza e Brenta a rapporto

Welfare che scorre lungo i fiumi: Enza e Brenta a rapporto

http://anellomancante.blogspot.com/2014/05/passaporta-torrente-enza.html
https://www.ilgiornaledivicenza.it/territorio-vicentino/bassano/centrale-sul-fiume-due-nuovi-ricorsi-1.7551471

Parte una ricerca su come dense comunità umane assicurano la propria sicurezza idrica, intesa come delicato equilibrio fra istanze ecosistemiche e benessere sociale. Un fine molto ampio che si specifica e concretizza nello studio di due bacini idrografici del nord Italia, quello del fiume Brenta e quello del torrente Enza. Si tratta di territori che in rapida sequenza toccano ambienti umani e naturali molto diversi, dall’alta montagna alla piatta pianura. Differenze fisico-morfologiche e socio-politiche sono evidenti, come evidente una certa simmetria fra i due corsi d’acqua. Nel bailamme di siccità e alluvioni, feste lungo il fiume e massacri urbanistici, la sicurezza idrica è condizione imprescindibile, tormento della politica, spauracchio per le future generazioni. Essa è dunque un fatto sociale totale da non limitare alle derive securitarie o alla modellistica degli idrologi. Fuor di metafora, nella parte alta di questi bacini vi sono progetti di grandi sbarramenti, le dighe di Vetto sull’Enza e quella della val Cortella (Vanoi) sul Brenta. I portatori di interesse sono molti, come anche le risorse necessarie per realizzare le opere. Vi sono proposte alternative alle dighe e inoltre incombe il conflitto fra centro e periferia. Per indagare una simile complessità socioidrica si è scelto lo schema delle fratture di Rokkan, con una adeguata attualizzazione delle stesse e un redivivo confronto fra due regioni – Veneto e Emilia-Romagna – così vicine e così lontane.


IPOTESI: la maggior integrazione istituzionale della società emiliano-romagnola porterà ad una più rapida realizzazione della grande opera; la maggiore frammentazione della società veneta porterà ad un fiorire di piccole innovazioni socio-idriche

  • Tappe
  • Obiettivi e aree di ricerca
  • Framework e indicatori
  • Raccolta delle evidenze
  • Report e ritorno alle comunità di bacino
  • Pubblicazione dei risultati

Riferimenti

in costruzione

Prefigurazioni della crisi idrica in Italia

Prefigurazioni della crisi idrica in Italia

Seminario con esperti del settore idrico e scienziati sociali su come inquadrare ‘profuturo’ la carenza di precipitazioni e acqua dolce in quella parte d’Italia abituata ad una grande abbondanza. L’inquadramento socio-politico tocca almeno tre aspetti: la comunicazione ambientale e scientifica sull’argomento, il gioco fra associazioni di categoria e autorità idriche, le possibili conseguenze redistributive che potrebbero derivare da politiche di emergenza. E’ infatti attesa la nomina di un commissario straordinario governativo. Il rationale del seminario con ipotesi e chiavi di lettura è qui